La luna e la Citta’

“Once you get caught between the Moon and New York City
The best that you can do is fall in love”

La luna piena si nasconde tra le nuvole che corrono e dietro i grattacieli che riempiono il cielo ventoso. Serata strana, qui a terra, sui marciapiedi larghi della Citta’. Se strofino le mani mi accorgo che non fa freddo, se mi guardo attorno trovo che non sono mai sola, se muovo i piedi posso ballare balli sconosciuti, e forse – col tempo – persino volare.

Ma la luna brilla cosi forte che fa male; chiudo gli occhi per un istante e non c’e piu’, poi riappare tra le nuvole – bianche di riflesso, e sembra che giochi a nascondino, contro di me. Io la guardo e provo a sfidare la luce, vedo il vento che incrocia le nuvole nel cielo che sembra un cielo di Van Gogh, o di primavera, con gli alberi colorati d’Autunno per pura allegria.

Se questa luna volesse, potrebbe raccontare tutto quello che ha visto da quando e’ nata, o non sarebbe molto perche’ anch’io mi so nascondere,  ed apro e chiudo porte che lei non puo’ sapere.  Ascolto il vento e il poco rumore della Citta’, saluto la luna piena e faccio pace anche con lei, mi sento addosso una faccia nuova e sorridente, e infine cammino via dal ricordo e ritorno a me.

New York 20 novembre 2002