Elezioni girotondo, quest’anno (anzi, il prossimo) in Israele. Il 27 novembre credevo di poter trarre le conclusioni del balletto dei pochi giorni precedenti su Facebook:

“Per riassumere: Bibi&Libi novelli sposi corrono con liste blindate verso destra. Ehud capisce l’antifona (e i sondaggi che lo danno allo 0%) e si dà alla macchia. Olmert forse ha ancora qualche busta nascosta in una buca in giardino, perchè incredibilmente decide di non presentarsi. Tzipi non ce la fa a superare il matrimonio destrorso del suo acerrimo nemico (?) e inventa un partito probabilmente centrista che come unico risultato fa imbufalire Yair Il Belloccio, ma di lui non si cura nessuno. Mofaz fa il broncio. Rimane Shelly, che non ha ancora capito che fra Tzipi e Bibi la cosa è personale, ed è rimasta male poverina, che la bionda non abbia deciso di correre con lei (la bruna) verso il centro e un po’ a sinistra (ma mai troppo…).  Anche in Israele, un partito di centrosinistra con due donne, per giunta al comando, è un’utopia.”

A meno di due settimane da queste note, continua il balletto derviscio dentro e fuori ai partiti. All’osservatore novizio la politica israeliana sembra un palco in cui si gira fino a perdere il centro (letteralmente) e ci si accascia poi dove capita.

dervisci

Salvo Lieberman, immobile come la sua stessa statua di cera, che ha fatto fuori 3 (dico tre) teste di ponte con fare da vassallo medievale. Tu: fuori. Tu: a casa. Tu poi, non ti posso più vedere, portatelo via. Eh. Ed è riuscito a inserire fin troppo in alto i suoi nella lista congiunta con il Likud, facendo alzare non pochi sopraccigli. Ma fra Likud, Kadima, Tnu’a e Avodà, girando a quella velocità, chi vuoi che si accorga di qualche sopracciglio sopraelevato?

La palma d’oro per la peggior gomitata in salita al gregario la merita però il buon vecchio Peretz. Sull’onda dell’insperata notorietà di ritorno per aver a suo tempo puntato i piedi sulla Kipat Barzel (Iron Dome) – che ha oggettivamente funzionato e ribaltato la situazione durante l’ultima micro-guerra contro Hamas – il baffuto dall’aria bonaria ha frantumato la porta uscendo dall’Avoda. Commoventi le foto di Tzipi la bionda che lo strascina per manina al palco della conferenza stampa. Sarà interessante vedere se la Kipat Barzel porta anche voti, o solo sollievo momentaneo.

Seguiranno aggiornamenti, temo.

.