Il catalogo è questo, per il momento. E all’apparenza in ordine sparso, senza seguire cronologia o altro metodo che il célo/manca delle figurine Panini, mi snocciola una lista di titoli e io – rispondo “visto” o “non visto”. Ogni tanto si ferma, aggiunge titoli alla sua lista mentale, ripropone. Le sue associazioni mentali mi sfuggono, ma la mia fiducia è pressoché totale.

pellicola

Il mio nuovo pusher si chiama ‘Omer e avrà 25 anni a dir tanto. E’ biondo e magrolino, capelli fini e lisci che cadono con una zazzera d’altri tempi, ma non ha la spigolosità degli ashkenaziti. E pare aver visto tutto il cinema israeliano che manca a me. Deve aver iniziato in pancia a sua madre. Oppure bluffa. Però funziona. Aggiungiamo titoli alla lista, spuntiamo quelli presi in affitto oggi. E via, due alla volta, mi porto a casa dei concentrati di cultura fondamentali per salire di livello nella comprensione di quel che mi circonda.

L’ho capito solo di recente, quanto il cinema israeliano mi serve a riempire vuoti di esperienza e di storia in Israele. Tutti hanno visto “Walzer with Bashir”, “Beaufort”, “Lebanon”; molti si sono avventurati a vedere “Ajami” e “The Matchmaker (פעם היתי)”. Ma se non hai visto “Late summer blues (בלוז לחופש הגדול)”, per esempio, è un intero mondo quello che ti manca. Il mondo del diciottenne che alla fine del liceo riceve la chiamata alle armi e se Israele è in guerra (oggettivamente spesso) sarà al fronte dopo pochi mesi.

“Late summer blues” straborda di informazioni e di dinamiche fondamentali per chi non è cresciuto qui e non ha fatto il militare. Una ragazza decide se uscire o no con un pretendente in base alla destinazione di arma del malcapitato (che no, non farà il paracadutista e nemmeno il pilota). Lungo tutto il film però, non si respira mai fino in fondo; e  la tensione non si scioglie nemmeno quando uno dei protagonisti muore, e la sua perdita si riflette sui compagni ancora a scuola. Le canzoni allegre o struggenti della colonna sonora, quasi tutte parte della recitazione e non sottofondo, contribuiscono a affondare le radici di questo film nella corteccia cerebrale. Non potrò più sentire “Eli, Eli” senza collocarla lì, fra quei ragazzi quasi tutti imberbi e già tutti quasi soldati, nel 1970.

Capire e vivere Israele, un film alla volta. Magari un giorno ne scrivo un libro.

.